skip to Main Content

Irem Incedayi | Contemporary Artist

Irem Incedayi’s artwork presentation

The key issues of my artwork are: classicism of Rome, Constantinople opulence, ancient frescoes of Pompeii, Ephesus and Islamic motifs.

Irem Incedayi and her Venere

Irem Incedayi and her Venere

In my works the sources are the ancients: Canova, Bernini, Michelangelo in poise and balance of forms taken from classical statuary that can be transformed into calligraphic arabesque ornaments and weaves.

The theme of mythology is very common in my work, it is often the theme of my artistic production. Western history is mainly the result of the plot of fertile Greek and Roman myths with those from Asia Minor and from other cultures over the centuries that overlook the Mediterranean Sea.

The myth is the key to interpret and give the image of our darker and mysterious side of the unconscious.

In two thousand years of human history, there are many different interpretations of the myth by Plato and Aristotle, Hegel and Kant, from Freud to Jung, but underlying, constant over the centuries, there is a world of feeling, imagination, common to all.

Another important component is the Oriental pattern that reproduces itself  without continuity in time and space: the oriental pattern from mosques, Islamic architecture, textiles, ceramics, where the focus is the reflection of itself indefinitely.

My technique, developed since the early works from the late 90s, has a strong relationship with archeology and the cult of the past; it is inspired by the Oriental and Roman frescoes using color powder, made from a mixture of pigment, sand, gold and silver leaf, acrylic and oil, creating effects of corrosion of a past time.

In my paintings I like to combine the majesty of monuments and baroque churches with the mysterious charm of palaces and mosques that are reflected in the Bosphorus, I like to recognize the definition of “artist of the two worlds, speaking and thinking in both languages, melting the Turkish and the Italian culture comes naturally to me”.

Irem Incedayi's Biography

East and West: mix of shapes and colors

The symbolic signs, domes allusive: Rome, Byzantium, Istanbul condense into a “unique” cultural which is the tangible presence of the East and West but also insubstantial mirage gold sunsets, the gray mists that rise from the Bosphorus.

Irem Incedayi was born in Rome, she lives and works between Rome and Istanbul.
Her cultural rootsfloat from East to West. She is Timur K. Incedayi’s daughter, painter whose painting are exposed in all over the world.  Irem studied in Rome, she graduated at the Accademia di Belle Arti in Rome.

In 2007 she received from Rome’s major an “Award” for painting – “…to have realized as an artist of the two worlds, as an Ideal bridge between an  Occidental and Oriental culture”.
Irem has exhibited his works in art galleries and museum spaces in various parts of the world:  United States, Italy, France and Turkey:

2017 Rome, Micro Art, group exhibition
2017 Rome, M’amaart gallery at Aleph by Hilton Hotel, group exhibition
2017 Rome art week, she opens her atelier to the public
2017 Istanbul, Ekavart Gallery,  father and daughter exhibit their works together
2017 Rome, Cà d’Oro Gallery, solo exhibition
2016 Rome, Biennial of art
2016 Rome, Guido Reni District she creates a large-scale live painting of m7x2,5
2016 Tivoli, Scuderie Estensi Museum, group exhibition
2014 Rome, Biennial of art
2014 Rome, Foro Italico, group exhibition
2014 Rome, Palazzo Lancellotti,  solo  exhibition
2013 Rome Bioparco, museum of the Rome zoo, group exhibition
2013 Torino, Unimanagement, group exhibition
2013 Casale Monferrato, group exhibition
2013 Rome, Via Giulia  Gallery   Rome
2013 Rome, Studioteca Bennani, solo exhibition
2013 Rome, Auditorium, group  exhibition
2013 Miami,  Design District, “Tribute to G.Verdi” group exhibition
2013 Rome, M’AMAART Gallery, group exhibition
2012 Arezzo, Church of St. Michael, permanent solo exhibition
2012 Rome  Ca ‘d’Oro Gallery, solo exhibition
2012 Rome,  Museum of the  Chancellery Palace, solo exhibition
2012 Rome, Palazzo Ruspoli “METROPOLISMO” presented by Achille Bonito Oliva, group exhibition
2011 Rome, Crocetti Museum, group exhibition
2011 Istanbul,  Yapi  Kredi Arts Center,  group exhibition
2011 Rome, Embassy of Turkey,     solo exhibition
2011 Santa Monica, Los Angeles USA , Sculpture Foundation of Bergamot Station,    group exhibition
2011 New York USA, NYU Arts Center, group exhibition
2010 Miami USA, Saint Tomas Arts Center, group exhibition
2009 Rome, Protomoteca Hall in the Capitol, group exhibition
2009 Rome,  Palazzo Torlonia, solo exhibition
2008 Istanbul, Bosphorous Four Seasons Hotel, permanent exhibition
2008 Istanbul, G-Art gallery, solo exhibition
2008 Bodrum,  Mandal Gallery, solo exhibition
2007 Rome, Cà d’Oro Gallery , solo exhibition
2007 Rome, she received fom Rome’s major the “Simpatia Award” for painting “… to have realized as an artist of the two worlds, as an Ideal bridge between an Occidental and Oriental culture”.
2007 Rome, Cà d’Oro Gallery,  solo exhibition
2007 Istanbul, Akmerkez Sanat Gallery, group exhibition
2006 Rome, Carlo Pignatelli’s Atelier, solo exhibition
2005 Rome, Tad gallery, solo exhibition
2004 Rome, Etoile Space, group exhibition
2004 Rome Zen Art gallery,  solo exhibition
2004 Rome, Riparte Art gallery, solo exhibition
2002 Orvieto, Casa Selita Hotel, solo exhibition
2000 Paris, hotel François I ° ere, group exhibition
2000 Rome,  Artists Gallery,  group exhibition
1999 Rome, St. Regis Grand group exhibition
1997 , Istanbul Kemer Country, solo exhibition
1997 Rome,   Maxentius Art,  group exhibition
1996 Latina, Municipal Library , solo exhibition
1995 Rome, Foro Italico, group exhibition
1994 Odessa, Fine Arts Academy, group exhibition
1994 Veroli, she  wins the award at the Extemporaneous painting competition
1994 Rome, she  wins the award at the Extemporaneous painting at the Imperial Forums
1994 Rome, Civita  gallery,  group exhibition
1993 Rome, Horseshoe gallery , group exhibitio
1993 Rome,  Eralov gallery, group exhibition.

Review

OMBRE DI UN RICORDO

Un antico passato di splendori emerge dalle tele di Irem. Gli ori e le porpore, le sete raffinate dai cangianti colori, hanno attraversato il Bosforo e lungo una immaginaria “via della seta” sono giunte fino a noi.
É da una lontananza spazio temporale che ci arrivano le immagini. Esse si rapprendono sulla tela in una materia che è quella degli intonaci dei palazzi di Bisanzio e si snodano flessuose e raffinate come una calligrafia ottomana.
Quello di Irem è un linguaggio fatto soprattutto di segni: sono segni vaganti, ora in superficie, ora sommersi ed invisibili che assumono forme ingannevoli intorno alle quali vibra la luce incerta del crepuscolo e cangiante dell’alba.
A volte queste forme pesano come immensi blocchi marmorei ma sono forme ingannevoli che rifluiscono rapidamente nei segni che si susseguono impenetrabili e irraggiungibili. Una trama fitta, misteriosa, intricata e inestricabile: un labirinto, ma anche antica “tappezzeria” che in un giuoco cangiante di riflessi, riflette se stessa.
Archetipo di tappezzeria che “staccata” dagli antichi palazzi di Efeso, Pompei, Bisanzio, Roma rifluisce dalla memoria e appare tessuto insieme a possenti membra barocche: “ombre di un ricordo”.

RIFLESSI DI PARADISO

C’è qualcosa di divino che si libra nell’aria, e fin dai tempi e dalle religioni più antiche l’uomo l’ha percepito come anello di congiunzione tra il mondo della natura umana e il mondo della perfezione: il Paradiso e l’ha chiamato Angelo.
Erano Angeli i messaggeri degli Dei, sono Angeli i messaggeri di Dio sia nelle religioni d’Occidente che in quelle d’Oriente.
Essi ci guidano e ci sostengono nell’attraversare quel ponte ideale che ci divide e ci unisce alla vita ultraterrena.
Nella rappresentazione dei suoi Angeli,  Irem, attraversa le due culture: quella Occidentale cristiana e quella Orientale dell’Islam fondendo con la sua iconografia la percezione di questa entità.
Una visione carnale e figurativa dell’arte derivante dal classicismo di Roma, da Michelangelo, dal Barocco  contrapposta e arricchita dalla visione astratta e purissima delle decorazioni islamiche.
La luce che si riflette sui panneggi, sugli arti marmorei, sulle ali dei bellissimi Angeli pronti a spiccare il volo, si intreccia indissolubilmente ai motivi decorativi islamici che riflettono se stessi all’infinito.

FRAMMENTI D’AFFRESCO

I motivi decorativi ricorrenti sono un’intricata ed affascinante composizione  geometrica che  incorpora motivi vegetali, floreali   composte da venature di colore che mutano il loro stesso colore, dopo essersi intersecate.
La loro ricchezza e variabilità scaturiscono dalle suddivisioni e dalle estensioni lineari della rete geometrica e dal continuo collegamento ed avvolgimento delle forme che provocano nuove sub-unità e nuove forme.
La multicolorità che è distintiva di queste decorazioni rende evidente che il modello decorativo non è subito apparente, non è afferabile alla prima occhiata:  effettivamente, nessuna venatura trattiene il suo colore quando s’interseca con un’altra; essa, ‘emergendo’ dopo poco tempo di ‘immersione’ sotto la vena che incrocia cambia il suo colore, come se suggerisse un’interruzione di questo movimento successivo.
Spesso Il contrasto del colore pare essere indirizzato a dividere l’immagine nel dominio dell’evidente e manifesto, e nel dominio del velato, coperto e nascosto.
Le decorazioni ottenute attraverso la connessione di interruzioni di colore  sono tipiche della cultura islamica.
Molto ricorrente è il movimento circolare, il movimento da un segno  all’altro e viceversa è, come dire, il centro della vita e dell’essere.
L'”intreccio” dei segni è il punto di intersezione percepito come una sorta di centro generatore.

ARCHETIPI

I segni e le linee che fluiscono sulle tele di Irem, ci rimandano a quell’archetipo di segno che l’uomo ha utilizzato quale mezzo di comunicazione prima ancora del linguaggio.

Irem esplora il segno come archetipo, forma primitiva di pensiero e di idee nate dall’inconscio, alla base delle espressioni mitico religiose dell’uomo.

  • Il mistero della vita nello scorrere dei suoi cicli : Samsara
  • Il labirinto , simbolo del viaggio alla ricerca del centro di se stesso: Dedalo
  • L’inspiegabile meraviglia dell’universo: le stelle
  • Identificazione di se stesso specchiato nell’abisso dell’illusione: Narciso
  • La tempesta quale sconvolgimento degli elementi della natura e dell’anima e il cristallo che ne cattura frammenti e li ricompone : Cristallo

Irem dispone le sue mutevoli linee alla ricerca di quelle espressioni , linee che si rincorrono, che si infrangono, a volte si rispecchiano nello scorrere della storia e delle  culture   che nel tempo si sono scontrate e sovrapposte.

La natura quale modello di bellezza e perfezione ha guidato da sempre la mano dell’uomo nel tracciare le sue linee.

Così nelle opere di Irem, i segni sinuosi ed eleganti, le linee che si fanno scrittura sono simboli della ricerca di quel modello , segni immersi nei colori cangianti e soffusi delle innumerevoli albe e tramonti che hanno guidato l’archetipo del segno fino a noi.

ISABELLA GENOESE
regista

Back To Top